skip to Main Content

La Carbon Footprint dei ristoratori les Collectionneurs

Tempo lettura: 3 minuti

(Agen Food) – Parigi (Francia), 07 giu. – È proprio nella Giornata Mondiale dedicata dell’Ambiente, che si è celebrata ieri lunedì 5 giugno 2023, che più di 60 chef les Collectionneurs, di cui 5 rappresentanti la community Italiana, si sono incontrati a Parigi per l’annuale ‘Déjeuner des chefs’, un pranzo conviviale con l’immancabile presenza del Brand President Alain Ducasse.

Per l’occasione è stata scelta una location d’eccezione, Hectar, l’ecosistema imprenditoriale e tecnologico dedicato alla transazione agricola che si trova alle porte di Parigi, la cornice quindi ideale per dare un importante annuncio: nel 2024, tutte le ‘tables’ les Collectionneurs dovranno rilevare la loro impronta di carbonio attraverso Clorofil – il calcolatore di carbonio messo a punto da majorian e dedicato esclusivamente al settore della ristorazione e dell’ospitalità.

Clorofil è uno strumento innovativo e gratuito per i membri les Collectionneurs, consente di effettuare una valutazione in modo indipendente e consente di analizzare 5 voci principali di emissione di CO2: energia, acquisti, rifiuti, servizi legati all’attività e mobilità. Inoltre, offre la possibilità a chi fa parte della community di confrontarsi con gli altri colleghi e di fissare obiettivi di riduzione per l’anno successivo o di contribuire al finanziamento di progetti di compensazione del carbonio che mirano appunto a ‘compensare’ l’emissione di anidride carbonica o di altri gas a effetto serra. L’utilizzo di Clorofil è richiesto anche a tutti gli albergatori che fanno parte della community.

L’annuncio è stato ufficializzato da Xavier Alberti, Presidente di majorian, società multiservizi di cui fa parte les Collectionneurs, che ha puntualizzato: “Questo impegno è il risultato di uno sforzo collettivo. La ricerca dell’eccellenza delle nostre strutture non si ferma all’esperienza del viaggiatore: è anche strettamente legata al loro impatto sul mondo”.

La Direttrice generale di majorian, Carole Pourchet, ha dichiarato: “Per ridurre le emissioni di carbonio, dobbiamo prima misurarle. Ecco perché il calcolo dell’impronta di carbonio è ora un impegno imprescindibile che richiediamo a tutti i membri della community”.

“Sebbene fossimo già consapevoli dell’importanza di preservare l’ambiente per garantire la sostenibilità delle nostre attività, l’impronta di carbonio ci ha permesso di identificare chiaramente gli impatti delle nostre attività e di capire come intraprendere azioni concrete. Agire su questo impegno in modo collettivo è ancora più motivante per i nostri indirizzi”, hanno aggiunto Camille Brouillard e Soufiane Assara, chef del ristorante Huitrier Pie.

Questa decisione consentirà agli affiliati di les Collectionneurs di diventare, a partire dal 2024, la principale community di ristoranti e alberghi a basse emissioni di carbonio, mettendo in evidenza le migliori pratiche dei suoi membri e cercando nuove strade per il progresso.

Gli chef italiani che hanno preso parte all’importante giornata sono stati: Cristina Bowerman di Glass Hostaria, Salvatore Morello del Ristorante Inkiostro, Matteo Carnaghi di Country House Villadorata, Alessandro Giraldi di Villa Abbondanzi e Giulio Ierace di Villa Balis Crema Hotel (una recentissima new entry della community).

I numeri della community les Collectionneurs nel 2023: 540 indirizzi di ristoratori e albergatori in 11 Paesi di cui 284 ristoranti in Francia e in Italia. 217 ristoranti si trovano in Francia e 95 sono stellati Michelin: 86 ristoranti con 1 stella, 6 ristoranti con 2 stelle e 3 ristoranti con 3 stelle. In Italia: 32 ristoranti con 1 stella e un ristorante 2 stelle.

www.lescollectionneurs.com

Redazione Agenfood

Agen Food è la nuova agenzia di stampa, formata da professionisti nel campo dell’informazione e della comunicazione, incentrata esclusivamente su temi relativi al food, all’industria agroalimentare e al suo indotto, all’enogastronomia e al connesso mondo del turismo.

Agenfood
Back To Top
×