skip to Main Content

Toscana, Guardia costiera sequestra 6 tonnellate pesce

Tempo lettura: 2 minuti

(Agen Food) – Livorno, 21 feb. – Sei tonnellate di prodotti ittici e 3 attrezzi professionali da pesca sottoposti a sequestro, 60 operatori multati per un totale di quasi 100.000 euro di sanzioni, 236 ispezioni effettuate, 60 illeciti riscontrati oltre alla chiusura temporanea di un ristorante. E’ il bilancio di una complessa operazione di controllo sulla filiera della pesca operata in Toscana, in mare e a terra, finalizzata alla tutela della risorsa ittica e al contrasto della pesca e del commercio illegale.

Gli ispettori della Guardia Costiera hanno condotto una serie di verifiche a partire dalla produzione primaria, cioè la pesca in mare, presso i punti di sbarco, nonché alle successive fasi della distribuzione presso i depositi delle società di importazione, i rivenditori all’ingrosso e le grandi piattaforme logistiche di distribuzione, fino ad arrivare alla vendita al consumatore finale presso le pescherie e ristoranti. Il nucleo ispettivo regionale del Centro controllo area pesca della Capitaneria di Porto di Livorno ha sottoposto a sequestro amministrativo, circa 5 tonnellate di prodotti ittici, rinvenuti presso un punto-vendita all’ingrosso nell’entroterra toscano, pronti ad essere inseriti nel circuito commerciale nazionale senza la prevista documentazione attestante la legalità del pescato in conformità alle leggi internazionali. Gran parte della merce è risultata anche conservata in modo non conforme rispetto alle stringenti regole di prevenzione che l’azienda avrebbe dovuto rispettare durante le fasi di stoccaggio, commercio degli alimenti nonché di smaltimento degli scarti di lavorazione. Al titolare dell’azienda sono state comminate sanzioni amministrative per un totale di 3.500 euro.

I militari della Guardia Costiera di Porto Santo Stefano hanno sequestrato circa 80 kg del pregiato gambero rosso e viola, risorsa ittica soggetta a limitazioni al fine di garantirne la sostenibilità. Gli uomini della Guardia Costiera hanno accertato che ben 6 pescherecci, alcuni provenienti dalla marineria siciliana, hanno pescato gambero rosso e specie demersali nelle acque toscane senza essere in possesso della specifica autorizzazione rilasciata dal competente Ministero dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle Foreste che ha riservato specifiche quote di cattura del predetto prezioso crostaceo solo a pochi pescherecci espressamente iscritti in elenchi ministeriali. I comandanti sono stati sanzionati con multe per 12.000 euro.

La guardia costiera di Piombino, a seguito di una specifica segnalazione e di un prolungato appostamento ha invece identificato a Follonica 3 pescatori abusivi provenienti dalla Puglia intenti alla pesca subacquea che, durante le ore notturne, avevano asportato dalle scogliere soffolte del golfo di Follonica circa 5.200 esemplari di ricci di mare destinati alla vendita in nero presso i ristoranti.

Infine, nell’entroterra toscano i militari di Livorno durante un’attività ispettiva eseguita congiuntamente ai funzionari del Dipartimento – Unità Sicurezza alimentare – della prevenzione dell’Azienda U.S.L., hanno riscontrato diversi illeciti tra cui la mancata esibizione della documentazione di tracciabilità e la violazione dei requisiti generali igienico-sanitari che hanno condotto alla chiusura temporanea di un ristorante a Calenzano, gestito da cittadini stranieri a causa delle gravi carenze igienico sanitarie riscontrate.

Redazione Agenfood

Agen Food è la nuova agenzia di stampa, formata da professionisti nel campo dell’informazione e della comunicazione, incentrata esclusivamente su temi relativi al food, all’industria agroalimentare e al suo indotto, all’enogastronomia e al connesso mondo del turismo.

Agenfood
Back To Top
×