skip to Main Content

Salute e senilità: lo studio sul consumo della frutta secca

Tempo lettura: 2 minuti

(Agen Food) – Roma, 02 feb. – di Pol. Cla. – Prevenzione delle malattie metaboliche e cognitive legate all’età riguarda lo studio sostenuto dall’INC International Nut and Dried Fruit Council e  pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition.  Anziani in sovrappeso o obesi, il consumo a lungo termine di frutta secca mista ha migliorato significativamente la sensibilità all’insulina a livello cerebrale.  

Lo studio ha coinvolto 28 fra uomini e donne sani, di età compresa tra 60 e 70 anni. I ricercatori hanno condotto uno studio crossover in singolo cieco randomizzato, che prevedeva un periodo di intervento e controllo di 16 settimane (senza frutta secca), separato da un periodo di washout di 8 settimane. L’intervento è consistito in 60 g al giorno di frutta secca mista (15 g ciascuno di noci, pistacchi, anacardi e nocciole). Ai partecipanti è stato chiesto di seguire le linee guida dietetiche olandesi. Lo studio ha scoperto che il consumo di frutta secca ha migliorato significativamente l’azione dell’insulina nelle regioni del cervello (occipitale e frontale) coinvolte nella modulazione dei processi metabolici e cognitivi.

La ricerca ha anche dimostrato che la sensibilità periferica all’insulina non è stata influenzata. Tuttavia, il contenuto lipidico intraepatico, il colesterolo LDL (“cattivo”) nel siero e la pressione arteriosa sistolica sono risultati inferiori dopo il consumo di frutta secca, rispetto al periodo di controllo. I partecipanti non sono aumentati di peso durante lo studio. Il flusso sanguigno cerebrale (CBF) è stato quantificato utilizzando la risonanza magnetica (MRI), mentre la sensibilità cerebrale all’insulina è stata valutata misurando le risposte regionali del CBF all’insulina intranasale. Inoltre, sono stati valutati anche gli effetti sulla sensibilità periferica all’insulina (test da carico orale di glucosio), sul contenuto lipidico intraepatico e sui marcatori di rischio cardiometabolico.

Il Dott. Peter Joris, primo ricercatore dell’Università di Maastricht, Paesi Bassi, afferma che sulla  base di questi risultati,  la resistenza all’insulina cerebrale regionale osservata negli anziani in sovrappeso o obesi può essere influenzata positivamente da un intervento a lungo termine con frutta secca mista, che può essere importante per la prevenzione delle malattie legate all’età.

Redazione Agenfood

Agen Food è la nuova agenzia di stampa, formata da professionisti nel campo dell’informazione e della comunicazione, incentrata esclusivamente su temi relativi al food, all’industria agroalimentare e al suo indotto, all’enogastronomia e al connesso mondo del turismo.

Agenfood
Back To Top
×