(Agen Food) – Cesena, 02 dic. – Nasce a Cesena Ri.Nova – Agricoltura, Ambiente, Alimentazione, il nuovo polo regionale dell’innovazione agroalimentare dalla fusione tra Alimos – Alimenta la salute e CRPV – Centro Ricerche Produzioni Vegetali. Il suo ambito di azione sarà la ricerca per sostenere la competitività delle filiere agricole e agroalimentari, e la comunicazione, per raccontarne al consumatore finale le sfide, l’impegno e i risultati.

“Ri.Nova mette in sinergia due esperienze complementari, due storie pluriennali di eccellenza nei rispettivi ambiti e risponde a due esigenze ben precise – ha commentato oggi alla presentazione ufficiale del  progetto  il presidente della nuova realtà, Raffaele Drei – : da un lato la necessità di fare ricerca e sviluppare innovazioni che rispondano ai bisogni delle filiere agricole e agroalimentari. Dall’altro l’urgenza di dare vita a un dialogo più efficace verso un consumatore sempre più esigente e informato ma che troppo spesso non è a conoscenza degli sforzi e dell’impegno che il mondo agricolo mette in campo quotidianamente su ambiti cruciali come la sostenibilità, la tutela dell’ambiente, la lotta al cambiamento climatico, la sana e corretta alimentazione”.

La nuova realtà conta oggi 23 dipendenti e vari collaboratori dislocati su due sedi a Cesena e nel Faentino. Lavora attualmente a  87 progetti che coinvolgono tutte le filiere vegetalisui temi della sostenibilità, del cambiamento climatico, del miglioramento genetico, del contrasto alle fitopatie, dell’educazione alimentare (diretta ad alunni e adulti/cittadini) e, collegati a quest’ultimo, quelli dello spreco e del consumo sostenibile.

Le prime sfide che attendono Ri.Nova arrivano direttamente dall’Europa e dal mercato nazionale e internazionale, a partire dagli obiettivi della strategia Farm to Fork: “Oltre a proseguire nel solco dell’impegno di CRPV sul fronte della ricerca e dell’innovazione – prosegue Drei – Ri.Nova avrà il compito di comunicare la sostenibilità delle attività dei nostri soci che rappresentano oltre il 60% della PLV vegetale del territorio regionale, con azioni mirate tese a valorizzare la qualità dei prodotti, il loro valore nutrizionale, l’attenzione all’ambiente che caratterizza i processi produttivi. L’Emilia-Romagna può contare su innumerevoli eccellenze in ambito agricolo e ortofrutticolo in particolare, con caratteristiche organolettiche uniche: i produttori agricoli della nostra regione sono da sempre impegnati sul fronte del risparmio idrico, della riduzione dell’uso della chimica in campo, della tutela della biodiversità”.

A queste attività si affiancheranno progetti specifici dedicati all’educazione alimentare per incentivare il consumo dei prodotti agricoli dell’Emilia-Romagna e un’articolata attività pensata per il mondo della scuola per promuovere la lotta agli sprechi.

#RiNova