Skip to content

Il sodalizio tra Sarzi Amadè e Petrus: qualità e trasparenza

(Agen Food) – Milano, 6 giu. – Uno degli châteaux di Bordeaux più desiderati al mondo, Petrus, da dieci anni si affida in assegnazione diretta alla distribuzione di Sarzi Amadè, da sempre basata su principi di alta qualità e trasparenza nel mercato.

Petrus è uno dei pochi châteaux bordolesi ad aver modificato il sistema di commercializzazione dei propri vini, discostandosi dal modello storico della regione, che prevede che siano i négociants – spesso in rapporti ultradecennali con gli châteaux – ad occuparsi della distribuzione sui mercati nazionali e internazionali. 

Proprio per valorizzare la relazione strategica con i distributori assegnatari di ogni singolo mercato e avere un controllo più capillare sull’andamento dei prezzi – captando anche ondate speculative al rialzo o al ribasso -, Petrus ha identificato una serie di importatori esclusivi nel mondo, stringendo con essi rapporti diretti. 

Un modello di business basato su affidabilità, servizio e trasparenza nei confronti del cliente, che in Italia ha trovato espressione nella professionalità e nell’esperienza ultracinquantennale di Sarzi Amadè, leader assoluto nella distribuzione di vini francesi nel Paese.

Sarzi Amadè è l’azienda di distribuzione con il portafoglio di vini di Bordeaux e Borgogna più ampia in Italia – quasi 200 cantine, di cui 150 Châteaux bordolesi -, insieme a una notevole varietà di annate per ogni referenza. Oltre ad essere assegnatario italiano diretto di Petrus, vanta partnership con altri châteaux della top ten di Wine Searcher: Château Mouton Rothschild, al secondo posto della classifica mondiale, Château Lafite-Rothschild, al quarto, Château Margaux al settimo e Château Latour all’ottavo.

«Oggi, i vini di alcuni degli châteaux bordolesi più prestigiosi che trattiamo sono diventati anche oggetto di investimento, oltre che di grande degustazione. Questo vale tanto nel mondo quanto in Italia, basti pensare che a fine 2023 la casa d’aste italiana Pandolfini ha battuto all’asta una magnum di Petrus per oltre 13.000 euro e il valore medio di una bottiglia sul mercato si aggira tra i 4 e i 5 mila euro, restando di non facile reperimento. Chiaramente questo vale anche per la Borgogna, di cui sono esempi Romanée- Conti e Armand Rousseau» commenta Alessandro Sarzi Amadè.

 Nonostante l’En Primeur di Bordeaux 2023 abbia registrato un calo dei prezzi dei vini della regione, le etichette di fascia alta non subiscono le flessioni di mercato che attualmente a8liggono la fascia media, confermandosi veri e propri beni di investimento.

Redazione Agenfood

Redazione Agenfood

Agen Food è la nuova agenzia di stampa, formata da professionisti nel campo dell’informazione e della comunicazione, incentrata esclusivamente su temi relativi al food, all’industria agroalimentare e al suo indotto, all’enogastronomia e al connesso mondo del turismo.

Agenfood
Torna su
×