(Agen Food) – Bologna, 24 nov. – Emilia-Romagna virtuosa e capofila: fra i vincitori degli “Oscar” della sostenibilità ci sono l’innovativa app antispreco Squiseat ideata da studenti dell’Università Alma Mater di Bologna, il prototipo Celerifero per la mobilità urbana realizzato con la Scuola Ferrari di Maranello, le aziende Mutti di Parma che recupera gli scarti del pomodoro e Newpal di Ferrara che rigenera il Tetrapak producendo pallet di plastica riciclata, gli sportelli “Codici” per i diritti dei cittadini dell’Emilia Romagna, la Scuola d’infanzia Grazia Deledda di Bologna.

I Premi saranno consegnati dall’economista Andrea Segrè con il climatologo Luca Mercalli, interverranno l’Assessore Comunale Daniele Ara e le Sottosegretarie agli Esteri Sereni e alla Transizione ecologica Vannia Gava.

E’ a Bologna, nella facoltà di Agraria oggi Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroalimentari, che sono nati prima Last Minute Market per il recupero delle eccedenze alimentari e poi la campagna Spreco Zero, per iniziativa del docente e agroeconomista Andrea Segrè. Ed è a Bologna che, venerdì 26 novembre dalle 16 a Palazzo D’Accursio, nella Sala Anziani, sarà celebrata la 9^ edizione del Premio Vivere a Spreco Zero, i piccoli Oscar della sostenibilità che ogni anno vengono assegnati alle buone pratiche di Comuni, imprese, scuole, associazioni e cittadini italiani.

Diretta streaming sul canale YouTube spreco zero, con Andrea Segrè ci saranno anche in video collegamento il climatologo e divulgatore scientifico Luca Mercalli e le Sottosegretarie al Ministero degli Affari Esteri Marina Sereni e al Ministero della Transizione Ecologica Vannia Gava, oltre a Daniele Ara, Assessore alla Scuola, Adolescenti, Agricoltura e Reti idriche del Comune di Bologna.

Insieme alla città di Bologna è l’intera Emilia Romagna che brilla in questa edizione per virtuosismo e buone pratiche: fra i vincitori degli “Oscar” della sostenibilità ci sono infatti l’innovativa app antispreco Squiseat ideata da studenti dell’Università Alma Mater di Bologna, la prima app antispreco, italiana in grado di connettere le attività ristorative con i clienti finali, rendendo possibile la vendita dei prodotti invenduti a metà prezzo, garantendo un guadagno al ristoratore e un pasto sostenibile al cliente; il prototipo start up Celerifero per la mobilità urbana ideato da un gruppo di giovanissimi sviluppatori attraverso un’innovativa alleanza tra aziende e l’Istituto d’istruzione Superiore Ferrari di Maranello, dove è stato realizzato come velocipede a tre ruote a emissione zero per mobilità leggera urbana e vari utilizzi, dal trasporto passeggeri alla micropulizia, all’accompagnamento disabili; le aziende Mutti di Parma, che recupera e ricicla l’81% degli scarti di pomodoro, destinando agli allevamenti o al biogas la materia prima fresca non idonea alla trasformazione; e Newpal di Ferrara che si occupa dello stampaggio, attraverso macchinari innovativi, di pallet di alta qualità realizzati in plastica riciclata, consentendo di chiudere completamente il cerchio del recupero dei Tetra Pak. E ancora l’Associazione “Codici – Centro per i diritti del cittadino”, una rete di sportelli territoriali dedicati ai cittadini dell’Emilia Romagna in materia di salute, sicurezza, legalità, giustizia, guida alla scelta di prodotti e dei servizi, educazione all’uso del denaro e al consumo, e la Scuola d’infanzia Grazia Deledda di Bologna per la filastrocca “Mariolino e Serenella” sui temi del rispetto dell’ambiente, della raccolta differenziata e della riduzione degli sprechi. Premi speciali vanno quest’anno anche al Comune di Milano, al Comando Carabinieri per la Sostenibilità, ai divulgatori Marino Niola ed Elisabetta Moro, allo scienziato Stefano Mancuso. Dettagli e aggiornamenti sul sito sprecozero.it La campagna Spreco Zero di Last Minute Market è promossa con il patrocinio dei Ministeri dell’Ambiente, degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, del Lavoro e delle Politiche sociali e di ANCI, del World Food Programme Italia e RAI, della Regione Emilia Romagna e della Città Metropolitana di Bologna.

#mutti #tetrapak #sprecoalimentare